Author Archives: Mara

  1. Il senso perso delle cose

    1 Comment

    Come se un ‘per favore’ e un ‘grazie’ fossero inutili.
    Come se il tempo del prossimo non avesse importanza.
    Come se la riflessione e la calma fossero senza senso.
    Come se un libro e la sua magia fossero una perdita di tempo.

    Tutto scorre veloce e ci fagocita in un macabro vortice fatto di urla del proprio io che si ribella ma non riesce a uscire dalla spirale che lo blocca.

    Restare lucidi venendo rivoltati a milioni di giri.
    Riuscire a mantenere l’equilibrio nonostante i giramenti di testa.

    Estremi tentativi di sopravvivere a una follia che uccide.

    (MWC)

  2. Natale 2014… e il regalo di Skan Magazine

    Leave a Comment

    Notte magica…

    Notte speciale…

    SKAN MAGAZINE ha fatto il suo regalo con il numero doppio!!

    in primis a me pubblicando un mio scritto a p.17: mega inserto sui vampiri scritto con tre grandi scrittrici del genere.

    Grazie a SKAN e grazie a Filomena Cecere, Alexia Bianchini, Monica Serra.

    🙂 da non perdere!!

    skan_27-28

    Copertina 27-28

  3. Lo scatto giusto

    Leave a Comment

    Provate a immaginare un fotografo, Davide, che passeggia per un cimitero avendo in mente le pagine del Manoscritto Antico.

    Ha deciso che è l’anima più cupa del libro a dover essere rappresentata; e così cerca…

    Ecco quel fotografo che prova e riprova a scattare immortalando cappelle, arcate e statue.

    Geometrie e ombre, vita e morte.

    La macchina fotografica risponde pronta a ogni suo tocco e blocca istanti eterni.

    Ma seppur bellissime e cariche di un proprio significato, come peraltro tutte le foto di Davide, quelle istantanee sembrano essere immagini di contorno.

    Poi qualcosa succede…

    Un gracchiare alle sue spalle, assordante nel silenzio del pomeriggio.

    Una figura nera appollaiata su una croce di pietra.

    Sembra in posa con il becco aguzzo rivolto verso il cielo: lo aspetta calmo e lucente nel suo abito di pece.

    In attesa… semplicemente.

     

    E’ così che immagino la scena, così che vedo Davide sorridere di fronte allo scatto giusto.

     

    Immagine Copertina final

    immagine a cura di Davide Capponi http://davidecapponi.com/

     

     

     

     

  4. Alveare Eterno

    3 Comments

    Era un alveare di anime ormai fuggite,
    il ricordo di un’esistenza trascorsa con gioia e sofferenza.
    Sfilavano silenziose e pazienti
    in attesa che la luce arrivasse
    e, avvolgendole, riunisse tutti coloro che le abitavano,
    per sempre, nell’eternità.

    (MWC)

    cimitero

    Foto di Davide Capponi www.davidecapponi.com

  5. La Scala

    Leave a Comment

    Cadeva a pezzi lì solitaria in quella stanza vuota.

    Si chiedeva il senso che ormai potesse avere,
    non c’era più nessuno.
    Si sentiva spenta, privata di ogni forza,
    senza la voglia di ricominciare a lottare.E tutto cadeva intorno a lei.
    un brandello dopo l’altro sentiva la vita che se ne andava.Non si sarebbe rialzata,
    non questa volta.

    (MWC)

    scala

    Foto di Davide Capponi www.davidecapponi.com